Venerdì a Vibo la prima Assemblea Consortile (4/12/2012) - Murat Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Decennio Francese > Parco storico regionale
Vibo Valentia Casa Municipale - 4 Dicembre 2009 - ore 16
Parco Storico Regionale sul Decennio Francese in Calabria
VENERDI’ A VIBO LA PRIMA ASSEMBLEA CONSORTILE
Convocata dal Capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Calabria


Un appuntamento di ampia portata è quello in calendario per venerdì pomeriggio nelle sale di Palazzo Luigi Razza: convocata con nota del Capo di Gabinetto del Consiglio Regionale della Calabria On. Ottavio Gaetano Bruni, si riunirà infatti nella casa comunale cittadina a partire dalle 16 del 4 dicembre, la prima assemblea generale del Consorzio del “Parco Storico Regionale sul Decennio Francese in Calabria”.

Una data importante, quindi, non solo per la città ma anche, e soprattutto, per l’intera regione.

I rappresentanti di ben ventiquattro comuni della Calabria affluiranno infatti a Vibo per la firma, così come disposto dalla nota sottoscritta dall’on. Gaetano Bruni, della convenzione istitutiva del consorzio obbligatorio deputato alla gestione delle attività del parco.

Formalizzato, ai sensi dell’articolo 3 della Legge Regionale n°2/2009 istitutiva dell’ente parco, l’organismo che nascerà a Vibo consorzierà all’associazione culturale <<G. Murat Onlus>> di Pizzo i comuni di: Vibo Valentia, Pizzo, Mileto, Acri, Aiello Calabro, Amantea, San Giovanni in Fiore, Corigliano Calabro, Rossano, Palmi, Scilla, Reggio Calabria, Sant’Onofrio, Stefanaconi, Filogaso, Zambrone, Marcellinara, Stalettì, Catanzaro, Maida, Lamezia Terme, Crotone, Ionadi eFilandari.

Un partenariato quindi di ampie dimensioni e realmente in grado, grazie al connubio tra lo spessore e l’apprezzata esperienza della Murat Onlus e il contributo in termini di operatività e patrimonio storico – sociale e culturale delle varie amministrazioni coinvolte, di dar vita ad un concreto strumento di promozione e valorizzazione della regione non solo sullo scenario nazionale, ma anche – attraverso l’armonizzazione sinergica delle varie iniziative legate al Decennio Francese condotte a livello locale – internazionale.

Approvata con voti unanimi, su proposta del Presidente della Giunta regionale On. Agazio Loiero e del Vice Presidente Prof. Domenico Cersosimo, con D.G.R. n.316 del 9 Giugno 2009, la convenzione che verrà sottoscritta attribuisce così operatività e concretezza ad un ente dalle grandi potenzialità per il rilancio del territorio, sia sotto il profilo socio – culturale che sotto quello turistico.

Nato da una proposta di legge portata avanti in seno al Consiglio Regionale dall’on. Antonio Borrello e ufficialmente istituito con la citata L.R. n.2 del 15 Gennaio 2009, l’ente “Parco Storico” infatti, oltre a promuovere e protendere verso la creazione di un itinerario storico – culturale di rivalutazione e rilancio dei siti che nel decennio 1806 – 1815 svolsero un ruolo di primaria importanza nel definire le sorti della regione, annovera tra le sue finalità tutta una serie di ambiziosi quanto raggiungibili obiettivi.

Tra questi, meritevoli di particolare attenzione sono: il restauro e la conservazione del patrimonio storico dei siti ove si consumarono gli avvenimenti bellici del decennio, la realizzazione di strutture museali e artistiche arricchite da biblioteche tematiche per la migliore fruizione pubblica dei luoghi, l’organizzazione di manifestazioni storico-culturali finalizzate - non solo a ricostruire sul piano militare e politico i fatti storici - ma anche a definire ed approfondire la conoscenza di usi e costumi del tempo, lo sviluppo di programmi educativi per scuole o gruppi per approfondimento attraverso fonti e testimonianze degli eventi che hanno segnato la presenza napoleonica in Calabria, la pianificazione di visite guidate organizzate in modo sistematico ed aperte a tutti, lo sviluppo di collaborazioni con organismi ed associazioni già implementate, con cui concludere in convenzione forme di partenariato informativo e gestionale, ed infine la promozione di attività di studio e ricerca per il recupero di reperti, resti ossei, armi e beni appartenuti ai protagonisti delle vicende.


Torna ai contenuti | Torna al menu