Pagnotta eletto Presidente del Consorzio del Parco (4/12/2009) - Murat Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Decennio Francese > Parco storico regionale
Vibo Valentia Sala Consililiare del Comune 4/12/2009
Formalizzato dal Capo di Gabinetto della Presidenza Regionale
Diventa operativo il Consorzio di gestione del “Parco Storico sul Decennio Francese in Calabria”

A GIUSEPPE PAGNOTTA LA PRESIDENZA PROVVISORIA


Condotta dal Capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Calabria, on. Ottavio Gaetano Bruni, alla presenza del presidente della Murat Onlus di Pizzo e dei rappresentanti dei comuni calabresi designati dalla legge regionale n°2/2009, si è tenuta ieri – come annunciato – nella sala consiliare cittadina la prima assemblea generale del consorzio chiamato alla gestione del “Parco Storico Regionale sul Decennio Francese in Calabria”.

Introdotti dal sindaco della città Franco Sammarco, i lavori sono entrati nel vivo con l’intervento dell’on. Bruni che, portati i saluti del governatore Agazio Loiero, prima di dare esecuzione al disposto della legge citata ha definito l’incontro: <<un momento importantissimo per la regione che, formalizzando il dettato del provvedimento del gennaio 2009, pone le basi per l’avvio di un percorso di valorizzazione e promozione di uno dei periodi storici di maggiore impatto per le sorti della Calabria, alla base di buona parte del retaggio storico, culturale e sociale della popolazione, e in grado di produrre l’ampliamento oltre che il potenziamento degli orizzonti culturali e turistici della nostra terra>>.

Proseguito con la lettura della legge n°2/2009, la rilevazione dei presenti, la constatazione del numero legale, la descrizione delle decisioni a carico dell’assemblea – sede, durata e presidenza provvisoria -, l’incontro è continuato con gli interventi dei rappresentanti comunali interventi. Particolarmente apprezzato, il contributo del sindaco di Pizzo, Fernando Nicotra, che ha illustrato come da ormai anni la cittadina sia instradata sul sentiero operativo previsto nelle finalità del Parco Storico. <<Questo anche grazie al contributo della Murat Onlus - ha continuato Nicotra - con il contributo della quale sono state, tra l’altro, avviate le attività di ricerca delle spoglie del re Gioacchino Murat. Pizzo, pertanto, manifesta la più ampia disponibilità ad accogliere la sede dell’ente>>.    

Di altrettanto spessore le dichiarazioni dell’assessore alla cultura del Comune di Palmi, Nunzio Lacquaniti, vivo sostenitore delle potenzialità di rilancio regionale insite nell’ente e dell’importanza del coinvolgimento attivo nelle attività dello stesso delle università calabresi.

La parola è quindi passata alla Murat Onlus.

Il responsabile del comitato scientifico del sodalizio, Domenico Sorace, con entusiasmo ha così evidenziato come la Calabria con la legge 2/2009 costituisca un’eccellenza sul territorio nazionale. Il presidente Pagnotta, invece, illustrati gli ottimi risultati conseguiti dal sodalizio anche sullo scenario internazionale, ha descritto le motivazioni sociali e culturali alla base del progetto di istituzione dell’ente parco che - con gran soddisfazione per tutti i soggetti interessati - formalizzato in una proposta e portato avanti dal vice presidente del Consiglio Regionale on. Antonio Borrello, è diventato legge con il citato provvedimento regionale n°2 del 15 gennaio 2009.

E’ poi intervenuto l’assessore del Comune di Reggio Calabria, Michele Raso, che - delegato dal sindaco Giuseppe Scopelliti - ha proposto la nomina alla presidenza del consorzio di Pagnotta.

L’assemblea è successivamente passata alle votazioni e quindi, all’unanimità, ha proceduto alla delibera della durata decennale dell’ente, a stabilire la sua sede a Pizzo accettando la proposta del sindaco Nicotra, e alla nomina  - accogliendo quando evidenziato dall’assessore Raso - di Giuseppe Pagnotta quale presidente provvisorio  incaricato all’espletamento delle attività propedeutiche all’entrata a regime dell’ente.

Il tutto, suggellato dalla lettura del testo definitivo della convenzione e dalla sua sottoscrizione da parte degli intervenuti.

Torna ai contenuti | Torna al menu