Giuseppe Cultrera - Murat Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

News > Premio di Poesia
IL MIO MARE DI PIZZO
(di Giuseppe Cultrera)

Ruggito tuonante
che soffoca tra gli scogli:
mai un'ira fu cosi affascinante!

La tua forza spingi ad ostentare
mentre il telo plumbeo delle nubi
giocherelli a spruzzare.

E susciti immaginazioni strane
allor che sull'aperto orizzonte
modelli forme arcane.

Poi continui ad issarti in slanciate onde
che come sinuose colline
si distendono sulle sponde.

E con delicata maniera
riponi una lunga coperta bianca
sull'estesa riviera.

E ancor dipingi un prato frizzante,
come estroso artista bizzarro,
e di un intenso olezzo inebriante.

Coll'ausilio del gelido vento amico
soffi nebbie di goccioline
sulle casette del borgo antico.

E sulla rupe prorompi il tuo vigore
imbiancando d'un manto sottile
lo scorcio di tufaceo colore.
Compagno piacevole d'estate,
paesaggio incantevole d'inverno,
placido o furente che tu sia,
o mare, sei parte della storia mia!

Torna ai contenuti | Torna al menu