HomeRisorgimentoRe GioacchinoAssociazioniRievocazioniFacebookVideo YoutubeFoto AlbumVarie

Parco storico eventi prossimi viaggio culturale a napoli RIEVOCAZIONE STORICA DI TOLENTINO foto flickr museo murattiano cripta reale

 

(Sommario)

 

 

Associazione Culturale Gioacchino Murat Onlus di Pizzo

- iscritta al Registro degli enti ed Associazioni culturali della regione calabria  - Codice Fiscale e Partita Iva 02521880795
  -  Presidente Giuseppe Pagnotta
 

MURAT ONLUS Eventi del 2013


Costituita con Atto a rogito del Notaio Giampiero Monteleone di Vibo Valentia, Repertorio n. 22258 Raccolta n. 7369   l’Associazione Culturale “Gioacchino  Murat" ONLUS

PIZZO.La “Gioacchino Murat” diventa associazione Onlus

Franco Russo PIZZO – Con la firma in calce all'atto notarile, da parte di 18 cittadini, l'associazione, che porta il nome di Gioacchino Murat, cognato di Napoleone Bonaparte, assume la veste giuridica di O.N.Lus. L'atteso documento, siglato nello studio del Notaio Giampiero Monteleone, a Vibo Valentia, dà dunque, alla «G. Murat», la denominazione di «Organizzazione non lucrativa di utilità sociale». I suoi scopi sono quelli di tutela, diffusione e promozione della cultura, in tutte le sue forme, difesa dell'ambiente e organizzazione e raccolta di tutto ciò che possa servire a tale finalità. L'importante atto, pone l'associazione «Gioacchino Murat», che conta già tra i suoi iscritti, oltre trenta persone come punto centrale di riferimento della vita di Pizzo e della sua attività culturale. Al più presto, l'Associazione inizierà, come previsto, la sua opera nel sociale. Il presidente, Giuseppe Pagnotta, a tal proposito, ha dichiarato di aspettarsi, e si augura di avere in questo, il sostegno e la collaborazione di tutti, per primi degli amministratori comunali, con l'individuazione anzitutto di una sede adeguata e consona alle molteplici attività che l'associazione stessa si prefigge di attuare. Il presidente Pagnotta ha detto che il comitato scientifico del sodalizio ha già varato un programma che caratterizzerà la presenza dell'associazione per tutto l'anno in corso, e che ha, come previsto, tra i suoi principali obiettivi, le attività di promozione culturale e sociale del territorio.

(dalla Gazzetta del Sud del 22 Marzo 2002)


"La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria
, maestra della vita, nunzio dell'antichità" CICERONE (106 a.C-43 a.C.

 

 

INDEX RIEVOCAZIONI STORICHE MURATTIANE

GIORNATE MURATTIANE


Sono le giornate che l'Associazione Culturale Gioacchino Murat Onlus dedica al ricordo del Re Gioacchino Murat. Mentre prima non avevano alcune periodicità adesso invece, per merito dell'Associazione Gioacchino Murat Onlus,  dal 2002 stanno avendo  cadenza annuale e si spera che ciò possa continuare anche per il futuro. Esse si basano sulla commemorazione della morte del Re con due cerimonie separate e distinte: quella religiosa viene celebrata con una S. Messa in suffragio presso la Chiesa Matrice di San Giorgio Martire, mentre quella civile con una Cerimonia fatta presso il Castello di Pizzo. Inoltre a periodi biennali viene organizzata anche la Rievocazione Storica dello "Sbarco, arresto, condanna e fucilazione del Re Gioacchino Murat".

COSTUMI E DIVISE

RICONOSCIMENTI PUBBLICI

PARCO STORICO

 

 

PANORAMI DEL REGNO DI NAPOLI


Murat è un grande esempio della mobilità sociale che caratterizzò il periodo napoleonico (e anche delle conclusioni tragiche di molte folgoranti carriere). Figlio di un albergatore, studiò in seminario, ma ne fu espulso a vent'anni per rissa. Fece per tre anni il mestiere paterno, poi si arruolò e fece parte della guardia costituzionale di Luigi XVI.Alla caduta della monarchia si arruolò nell'esercito e divenne rapidamente ufficiale. Nel 1795 era a Parigi a sostenere Napoleone contro l'insurrezione realista. Lo seguì poi nella campagna d'Italia e in quella d'Egitto, dove fu nominato generale e fu determinante nella vittoria di Abukir contro i Turchi.
Partecipò attivamente al colpo di stato del
18 Brumaio 1799 e divenne comandante della guardia del Primo console. L'anno dopo sposò la sorella di Napoleone, Carolina Bonaparte.
Eletto nel
1800 deputato del suo dipartimento, il Lot, poi nominato comandante della prima divisione militare e governatore di Parigi, al comando di 60mila uomini, nel 1804 fu nominato Maresciallo dell'impero, e due anni dopo Granduca di Clèves e di Berg.
Grande soldato e grande comandante di cavalleria, fu con Napoleone in tutte le campagne, pur non rinunciando alle proprie opinioni, come quando si oppose all'esecuzione del duca di Enghien.Nel
1808 Napoleone lo nominò re di Napoli, dopo che il trono sottratto ai Borboni si era reso vacante per la nomina di Giuseppe Bonaparte a re di Spagna.
A
Napoli il nuovo re fu ben accolto dalla plebe, che ne apprezzava la bella presenza, il carattere sanguigno, il coraggio fisico, il gusto dello spettacolo e alcuni tentativi di porre riparo alla sua clamorosa miseria - e ovviamente detestato dal clero.
Durante il suo breve regno, Murat avviò opere pubbliche di rilievo (il ponte della Sanità, via
Posillipo, nuovi scavi ad Ercolano, il Campo di Marte ecc.), e non solo a Napoli, ma anche nel resto del meridione (bonifica delle paludi a Gioia Tauro, illuminazione pubblica a Reggio di Calabria, progetto del Borgo Nuovo di Bari). La nobiltà apprezzò le cariche e la riorganizzazione dell'esercito sul modello francese, che offriva belle possibilità di carriera. I letterati apprezzarono la riapertura dell'Accademia Pontaniana e l'istituzione della nuova Accademia reale, e i tecnici l'attenzione data agli studi scientifici e industriali. I più scontenti erano i commercianti, ai quali il blocco imposto ai commerci di Napoli dagli inglesi rovinava gli affari (contro il quale lo stesso Murat tollerava e favoriva il contrabbando, il che costituiva un'ulteriore ragione di favore popolare per lui).
La spinta innovatrice del decennio murattiano fu rapidamente inaridita dal ritorno dei
Borboni.

Quanto a Murat, il nuovo ruolo non gli impedì di continuare ad essere un grande comandante, partecipando alla campagna di Russia e alla battaglia di Lipsia (1814). Dopo questa sconfitta cercò di salvare il trono facendo una pace separata con l'Austria, ma l'anno dopo, durante i Cento giorni, fu di nuovo a fianco dell'Imperatore, dando battaglia agli austriaci a Tolentino (e perdendola, il 2 maggio 1815).
Dopo la seconda caduta di Napoleone, che aveva cercato di raggiungere a Parigi, fuggì in
Corsica da dove tentò di passare a Napoli per sollevarne le popolazioni. Dirottato da una tempesta in Calabria, fu arrestato, condannato a morte secondo una legge da lui stesso voluta, e fucilato a Pizzo Calabro il 13 ottobre 1815.

Di fronte al plotone d'esecuzione si comportò con grande fermezza, rifiutando di farsi bendare, e pare che le sue ultime parole siano state: «Sauvez ma face -- visez à mon cœur -- feu!» (Salvate la faccia, mirate al cuore).

 

PIZZO 1815 

La mattina dell'8 ottobre 1815, Gioacchino Murat sbarca nella rada della Marina di Pizzo. Tentativo di riconquista del Regno di Napoli perso nel mese di maggio dello stesso anno dopo la Battaglia di Tolentino, oppure sosta tecnica lungo il viaggio verso Trieste in cui erano rifiugiati i componenti della sua famiglia? Qui, tra l'indifferenza della popolazione, che molto aveva sofferto durante la dominazione francese  soprattutto a causa del blocco continentale che rendeva molto pericolosi i traffici marittimi su cui si basava l'economia di Pizzo, Murat viene catturato e racchiuso tra le mura del Castello. Dopo 5 giorni ed esattamente il 13 ottobre del 1815, dopo un processo farsa fatto da una Commissione Militare appositamente nominata da re Ferdinando, lo sfortunato re Gioacchino Napoleone viene condannato a morte mediante fucilazione. Subito dopo la condanna, la condanna viene eseguita. E' l'ultimo atto della Dominazione Napoleonica in Italia. Muore Murat e con lui molte delle conquiste che l'uomo aveva realizzato con la Rivoluzione Francese. La Restaurazione vince su tutti fronti. Ma è una vittoria non definitiva in quanto, il grande vento rinnovatore della Rivoluzione più grande del mondo, non cesserà mai di soffiare fino ai giorni nostri. La Rievocazione vuole rivivere e far rivivere questo tragico episodio perchè non cada nel dimenticatoio della Storia e con lui la figura di questo grande Re che tanto fece per le popolazioni d'Italia del passato e del Presente.


 

ALTRE RIEVOCAZIONI STORICHE

 

 

NEWS

4-5
maggio
2013

TOLENTINO 815 DAL 1 AL 5 MAGGIO, LA RIEVOCAZIONE STORICA DELLA BATTAGLIA

 

Dal 1 al 5 maggio prossimi torna a Tolentino la rievocazione storica della Battaglia di Tolentino promossa dall’Associazione Tolentino 815 in stretta sinergia con il Comune di Tolentino, Assessorato alla Cultura. Il nutrito programma dell’edizione 2013 è stato presentato nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il Sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, il Presidente dell’Associazione Tolentino 815 Paolo Scisciani e il Consigliere delegato alla Cultura Alessandro Massi (nella foto da destra). La ricostruzione storica delle fasi salienti della battaglia combattuta il 2 e 3 maggio 1815 tra l'esercito di Giacchino Murat, Re di Napoli e quello austriaco del Barone Federico Bianchi e considerata da vari storici come la prima battaglia per l'Indipendenza Italiana, torna nel centro storico della città, con un ricco programma di incontri, mostre, conferenze, presentazioni di libri; soprattutto con la partecipazione di rievocatori che, per due giorni, ricostruiranno oltre ad accampamenti, movimenti di truppe e cavalleria, vita militare e fasi degli scontri, anche momenti di vita sociali come il banchetto del re o il gran galà reale.
Con questa importante manifestazione, sempre più apprezzata e che richiama il pubblico delle grandi occasioni, Tolentino torna crocevia della Storia Nazionale. Questo il programma completo dell’edizione 2013 della Rievocazione Storica “Tolentino815”  (http://www.tolentino815.it/2013/02/programma-2/).
Mercoledì 1 Maggio: ore 15.30: Visita Guidata ai Luoghi della Battaglia, dal Castello della Rancia. Alle ore 17.00: Esposizione Diorama della Battaglia di Tolentino, a cura Associazione Storico Modellistica di Civitanova Marche.
Giovedì 2 Maggio: ore 17.30: Sala Musso Palazzo Municipale, incontro sul Progetto “Parco Storico Regionale di Tolentino e Castelfidardo” tra i 20 Comuni collegati alla battaglia di Tolentino a cura Comune di Tolentino e Provincia di Macerata.
Venerdi 3 Maggio ore 18.00: Palazzo Parisani – Bezzi di Tolentino, inaugurazione Mostra “Costumi del Dipartimento del Musone”, a cura Associazione Cometa. Alle ore 20.30: Banchetto del Re, antiche ricette servite in costume, con intrattenimento di teatro, musica e danza. Solo su prenotazione, Salone medievale Basilica San Nicola.
Sabato 4 Maggio: ore 10.00 allestimento Accampamento storico Parco Isola d’Istria. Alle ore 11.00: Sala Consiliare Comune di Tolentino Gemellaggio tra Associazione Tolentino 815 e Fondazione Ferretti di Castelfidardo. Incontro tra i Sindaci dei Comuni di Tolentino, Castelfidardo e Pizzo (VV). Presentazione libro “Re Gioacchino Murat, la Puglia - Bari” di e con Bianca Tragni, Presidente del Club Federiciano di Altamura. Alle ore 16.30 Rievocazione Storica della Battaglia, centro storico. Alle ore 21.00 Gran Gala Reale, balli storici in costume e divisa; piazza della Libertà e alle ore 23.30 Fate l’Amore e non la Guerra, musica e balli popolari fino all’alba allo Spazio 815 a cura Inventori di divertimento.
Domenica 5 Maggio: ore 9.00 Messa in Onore ai Caduti, Monumento C.da Rotondo. Alle ore 10.30 Parata Gruppi Storici e Gran Ballo Ottocentesco, centro storico. nel pomeriggio, alle ore 15.00 Pedalata Storica Castelfidardo - Tolentino, 2^ Tappa luoghi battaglia di Tolentino, dal Castello della Rancia, a cura ASD Bike Team Monti Azzurri. Alle ore 18.30 a Palazzo Parisani Bezzi, Le Marche della Musica, il tempo degli evirati cantori, concerto lirico.

Via Nazionale, 2 - 62029 TOLENTINO (MC)
Tel. Fax. +39.0733.960778 - info@tolentino815.it - www.tolentino815.it

4-5
maggio
2013

Locandina 2013

8

Aprile

2012

LA BATTAGLIA DI TOLENTINO DEL 2011

SERVIZIO FOTOGRAFICO COMPLETO

 

8

Aprile

2012

Pizzo. Annunciate per il futuro numerose altre manifestazioni commemorative

UNA MESSA IN RICORDO DI MURAT

Nel 196° anniversario della sua fucilazione al castello aragonese

da IL QUOTIDIANO  del 13 ottobre 2011

 

30 Marzo

2012

TOLENTINO 2011

Breve rassegna fotografica del 5° Real Calabria Reggimento di Fanteria di Linea Murattiana, sotto attacco delle truppe Austriache durante la Rievocazione storica della Battaglia di Tolentino

13

Marzo

 2012

 

ALBUM FOTO BATTAGLIA DI TOLENTINO DELL'8/5/2011

1-100

101-200

201-300

301-400

401-500

501-600

601-700

701-800

801-900

901-1000

1001-1180

 

13

Marzo

 2012

 

EDIZIONE DI SUCCESSO PER TOLENTINO 815, RIEVOCAZIONE STORICA DELLA BATTAGLIA, CON PASSIONE, SPETTACOLO, RIGORE STORICO E TANTO PUBBLICO.

 

13

Marzo

 2012

 

     

Progetto cofinanziato dalla Regione Calabria con il Fondi Europei Linea d’intervento 5.2.3.1 POR - FERS CALABRIA 2007/2013

GIORNATE MURATTIANE D'AUTUNNO DEL  2010

GIORNATE MURATTIANE DI MEZZA ESTATE DEL  2010

 

manifestazioni - servizi fotografici - video - stampa

 

27 Gennaio

2012

Gran Gala' Reale [FOTO]

15

Dicembre

2011

PIZZO. Questa sera in programma il convegno sulla vita del re di Napoli, Gioacchino Murat

AL VIA LE GIORNATE MURATTIANE

Tre giorni di conferenze, dibattiti e curiosità sull'epopea napoleonica

dal QUOTIDIANO del 13 ottobre 2011

15

Dicembre

2011

 

GIORNATE MURATTIANE, SABATO E DOMENICA LE TAPPE CONCLUSIVE

dalla Gazzetta del SUD del 22 Novembre 2011

26

Novembre

2011

Pizzo. Dedicato al Risorgimento italiano dal re napoleonico Gioacchino Murat a Giuseppe Garibaldi

ATTESA PER IL "CORTEO STORICO"

La manifestazione nell'ambito dell'edizione 2011 delle "Giornate Murattiane"

dal Quotidiano del 26 Novembre 2011

30

Ottobre 2011

 

Pizzo. La rievocazione storica promossa dall'associazione culturale Murat

ILLUSTRATO IL PROGRAMMA DELLE GIORNATE MURATTIANE

dalla GAZZETTE DEL SUD del 15 Ottobre 2011

13

OTTOBRE 2011

PIZZO. GIORNATE MURATTIANE D'AUTUNNO: PRIMO INCONTRO MURATTIANO PER  IL COMMISSARIO PREFETTIZIO DEL COMUNE DI PIZZO DOTTORE BRUNO STRATI

COMUNICATO STAMPA del 13 Ottobre 2011

                                  

                                                                                              Prov. Vibo V.|Comune Pizzo

PROGRAMMA GIORNATE MURATTIANE D'AUTUNNO ANNUALITA’ 2011

Progetto cofinanziato dalla Regione Calabria con il Fondi Europei Linea d’intervento 5.2.3.1 POR - FERS CALABRIA 2007/2013

nel 150°Anniversario dell’Unità Italiana

 

 

 

HomeRisorgimento SudRe GioacchinoAssociazioniRievocazioniPagine FacebookVideo YoutubeFoto AlbumVisitatori e links

 


Come contattarci

Telefono e Fax : 0963/532218 
Indirizzo postale: Via Nazionale 98 bis   89812  PIZZO (VV)
Posta elettronica: Direzione Sito Web: info@murat.itWebmaster: gpagnotta@alice.it

Per una navigazione ottimale si consiglia una risoluzione video di 1024*768


Link: www.pizzocalabro.it www.pizzocalabro.com, www.pizzocalabro.eu, www.pizzo.biz,   www.apparizioni.com www.sanfrancescodipaola.biz,  www.murat.it,   www.rinnovamentocarismatico.org webpizzo.altervista.org,  www.studiopagnotta.it,   www.realcalabria.org,
Copyright © 2013 Associazione Culturale "Gioacchino Murat" Onlus di Pizzo. Ultimo aggiornamento: 01-01-2013