HomeRisorgimentoRe GioacchinoAssociazioniRievocazioniFacebookVideo YoutubeFoto AlbumVarie

Parco storico eventi prossimi viaggio culturale a napoli RIEVOCAZIONE STORICA DI TOLENTINO foto flickr museo murattiano cripta reale

 

(Sommario)Skip Navigation Links.

 

 

Associazione Culturale Gioacchino Murat Onlus di Pizzo

- iscritta al Registro degli enti ed Associazioni culturali della regione calabria  - Codice Fiscale e Partita Iva 02521880795
  -  Presidente Giuseppe Pagnotta
 

MURAT ONLUS Eventi del 2013


 

13 OTTOBRE 2009 194° ANNIVERSARIO MORTE DI RE GIOCCHINO MURAT

La Famiglia e la discendenza di J. MURAT

Carolina Bonaparte

Maria Annunziata Carolina Bonaparte, regina di Napoli, gran duchessa di Berg e Kleve (Ajaccio, 25 marzo 1782 Firenze, 18 maggio 1839), era figlia di Carlo Maria Buonaparte e di Letizia Ramolino, quindi sorella minore di Napoleone I. Nel gennaio 1800 sposò Gioacchino Murat.

Diventata regina si mostrò degna del suo rango: favorì le arti, incoraggiò gli scavi di Pompei e fece costruire delle utili opere per Napoli. Donna intelligente ed ambiziosa, stimolò continuamente il marito a salire sempre di più nella sua “carriera” non esitando a consigliarlo, dopo la rovinosa Campagna di Russia, di schierarsi con l’Austria, contro il suo stesso fratello. Quando il marito Gioacchino Murat lasciò Napoli, ella fu reggente in sua vece e seppe assicurare ordine e tranquillità al regno. Cacciato Murat da Napoli dopo la sconfitta di Tolentino, si trasferì a Venezia prima, poi a Trieste e quindi, morto il marito a Pizzo Calabro, in Austria, ove si risposò con il generale Francesco Macdonald. Nel 1830 si trasferì a Firenze nel Palazzo di Annalena, in via Romana, sfarzosamente restaurato negli anni precedenti dal marito, ove rimase fino alla morte.


Murat (famiglia)

La famiglia Murat ebbe come capostipite Gioacchino Murat (Labastide-Fortunière, 25 marzo 1767 Pizzo Calabro, 13 ottobre 1815) re di Napoli e maresciallo dell'Impero con Napoleone Bonaparte, che aveva sposato il 20 gennaio del 1800 a Mortfontaine la sorella minore di Napoleone Bonaparte Maria Annunziata Carolina (Ajaccio, 25 marzo 1782 Firenze 18 maggio 1839). Il titolo di Re di Napoli consentì ai figli di assumere quello di principe Murat e quello di principe di Pontecorvo.

Da Gioacchino e Carolina nacquero:

  • Letizia (Parigi ,1802 Bologna, 1859), sposata al marchese di antica nobiltà bolognese Guido Taddeo  Pepoli  (1823)

Discendenza [modifica]

da Gioacchino Murat e Carolina Bonaparte:

└──> Napoleone Achille (18011847), 1° principe di Pontecorvo, sposò Catherine
 Willis (1803 – 1867), una nipote di George Washington
└──> Letizia (18021859), sposò (1823) il marchese Guido Taddeo Pepoli (1789 – 1852)
 
└──> Napoleone Luciano Carlo (18031878), 2° principe di Pontecorvo, sposò (1831)
 l'americana Carolina Georgina Fraser (18101879)
1)└──>Carolina Letizia (18321902), sposò nel 1850 Charles, Barone di
 Chassiron (1818 - 1871), ed in seconde nozze, nel 1872, John Lewis 
Garden (1833 - 1892)
 
2)└──>Gioacchino Giuseppe Napoleone (1834 – 1901), 4° principe Murat e 3°
 principe di Pontecorvo, sposò nel 1854 Malcy Berthier de Wagram (18321884),
 discendente dal Maresciallo Berthier, e dalla quale ebbe tre figli,
ed in seconde nozze, nel 1894, Lydia Hervey (18411901)
 
3)└──>Anna (18411924), sposò nel 1865 il conte Antonio de Noailles, duca di
 Mouchy
 
4)└──>Carlo Luigi Napoleone Achille (18471895), sposò nel 1868 la principessa
 Salome Dadiani di Mingrelia (18481913), dalla quale ebbe tre figli
5)└──>Luigi Napoleone (18511912), sposò nel 1873 la principessa Eudoxie de 
Somow (1850 - 1924), dalla quale ebbe tre figli
 
 
└──> Luisa Giulia (1805 - 1889), sposò nel 1825 il conte ravennate Giulio Rasponi
 (1787 – 1876)
 
        1)└──> Gioacchino Rasponi Murat(18291877), sposò la principessa
 Costance Ghika, figlia di Costantino Ghika, Grande Ospodaro  della Valacchia    
        
        └──>Luisa (1859 – 1919)
        
        └──>Gioacchino (1861 – 1868)
        
        └──>Giulio (1863 – 1916)
        
        └──>Raspone (1872 – 1890)
        
        └──>Eugenia (1873 – 1958)
        
        2)└──> Achille Rasponi Murat (18351896), nel 1862 sposò la principessa
 Pulcheria Ghika (18371895), figlia di Costantino Ghika, Grande Ospodaro 
della Valacchia
        
        3)└──> Letizia Rasponi Murat (18321906), sposò il senatore Cesare
 Rasponi Bonanzi (18221886)che nel 1889 venne a Pizzo per la ricerca delle 
ossa del Re Gioacchino
                
              └──>Gabriella Rasponi Spalletti (18531931),  nel 1870 sposò 
il nobile reggiano Venceslao Spalletti Trivelli (18371899)
                    └──> Maria Luisa Spalletti Trivelli (1871 – 1875)
                    └──> Carolina Spalletti Trivelli (1873 – 1940)
                    └──> Cesare Spalletti Trivelli (1892 – 1966)
 
   

Achille Murat

Achille Murat

Achille Charles Louis Napoléon Murat, 2° Principe Murat e 1° Principe di Pontecorvo (Parigi, 21 gennaio 1801 Wasceissa, 15 aprile 1847), è stato un politico e militare statunitense  di origine francese, figlio primogenito di Gioacchino Murat (1767 1815), generale francese, re di Napoli e maresciallo dell'Impero, e di sua moglie Carolina Bonaparte (1782 1839), sorella dell'imperatore Napoleone I.

Fu cresciuto a Napoli ed era l'erede destinato dei titoli paterni ma dopo la fucilazione del padre e la caduta del Primo Impero fu costretto a rifugiarsi presso il castello di Frohsdorf in Austria con la madre, il fratello Napoleone Luciano (1803 1878) e le sorelle Letizia (1802 1859) e Luisa Giulia (1805 1889).

Raggiunta la maggiore età fece richiesta di cittadinanza statunitense e nel 1823 sbarcò a New York raggiungendo così lo zio Giuseppe Bonaparte.

Stabilitosi nella Florida orientale, iniziò una fortunata carriera da latifondista con estese proprietà a St. Augustine, dove costituì la proprietà The Parthenope di oltre 26.000 acri e un'altra, nei pressi di Tallahassee, chiamata piantagione Lipona (anagramma di Napoli) di oltre 4 km².

Amico del Brigadier Generale Joseph Marion Hernández (il primo ispano-americano ad entrare nel Congresso degli Stati Uniti d'America), si prestò come volontario nella milizia locale e durante la costituzione dello Stato della Florida servì nell'esercito con il grado di tenente colonnello nella prima fase delle Guerre di Seminole (1835-1842), famose per essere state le più lunghe e impegantive serie di battaglie dell'esercito statunitense contro gli omonimi nativi americani della zona.

Eletto consgiliere comunale di Tallahassee, ne divenne sindaco nel 1826 e fino al 1838 fu anche direttore delle poste.

Nel 1826 sposò Catherine Daingerfield Willis (1803 1867), una pronipote di George Washington. La coppia si spostò poi a New Orleans dove Murat esercitò la professione di avvocato.

Con la Rivoluzione di Luglio del 1830 in Francia, tornò in Europa come colonnello della Legione Straniera Belga tentando nel frattempo, invano, di ritornare in possesso dei beni paterni.

Tornò negli USA nel 1837 dove morì 10 anni dopo nella Contea di Jefferson (Florida), e fu sepolto nella St. Johns Episcopal Church cemetery di Tallahassee. Il cugino materno, Napoleone III provvedette a gratificare la vedova Murat con un vitaliazio di $40,000 annui.

Morto senza eredi, il titolo di Principe Murat e Principe di Pontecorvo passò al fratello minore Napoleone Luciano che sotto Napoleone III divenne ministro, senatore e Principe Imperiale. Alla discendenza diretta di quest'ultimo appartengono gli attuali Principi Imperiali Murat e di Pontecorvo.


 

Napoleone Luciano Carlo Murat

Napoleone Luciano Carlo Murat (Milano, 16 maggio 1803 Parigi, 10 aprile 1878) fu principe di Napoli e di Pontecorvo.

Era il secondogenito maschio di Gioacchino Murat (1767 – 1815) e di Carolina Bonaparte (1872 – 1839), sorella di Napoleone Bonaparte.

Biografia [modifica]

Fu cresciuto a Napoli ove il padre era re, posto in trono dal cognato Napoleone Bonaparte (1808), in sostituzione di Giuseppe, fratello maggiore dell'imperatore, posto sul trono spagnolo. Dopo la perdita del trono (e della vita) da parte del padre, seguì la madre Carolina a Trieste e Venezia e nel 1824 s'imbarcò per gli Stati Uniti per raggiungervi lo zio Giuseppe ed il fratello Achille, ma la nave su cui viaggiava fece naufragio ed egli fu condotto prigioniero in Spagna.

Liberato, raggiunse gli Stati uniti ove, il 18 agosto 1831, sposò a Trewton (New Jersey) Carolina Georgina Frazer (Charleston, 1810 – Parigi,1879).

A causa di alcuni fallimenti negli affari si ridusse ad una situazione economica precaria, avendo come unica risorsa una scuola per giovani signorine tenuta dalla moglie.

Tornò due volte in Francia, nel 1839 e nel 1844, per poi stabilirvisi definitivamente nel 1848, allorché venne eletto deputato dell'Assemblea Costituente per il dipartimento francese di Lot e l'anno successivo deputato all'Assemblea Legislativa e membro del Comitato per gli Affari Esteri. Il 3 ottobre 1849 fu nominato Ministro plenipotenziario a Torino, carica che ricoprì per un anno. Fu quindi scelto come colonnello della Guardia Nazionale per la Banlieu di Parigi.

Diventato senatore a seguito del colpo di stato del 2 dicembre 1851, condotto dal cugino e Presidente eletto Luigi Napoleone, ottenne dal medesimo, diventato nel frattempo imperatore, il titolo di Principe nel 1853.

Intanto, l'indomani del colpo di stato del 1851, i dignitari del Grande Oriente di Francia, Berville e Desanlis, per salvare l'Obbedienza, proposero a Napoleone Luciano di diventarne Gran Maestro, carica che egli accettò.

Egli fece votare la Costituzione del 1854 che dava al Gran Maestro ampi poteri e creò la Società civile per l'edificazione del Tempio della Massoneria francese.

Nel 1859 il principe Murat entrò in disaccordo con la maggioranza dei membri del Grande Oriente a proposito dell'Unità d'Italia e del potere temporale del papa. A seguito di alcuni incidenti e su richiesta di Napoleone III, egli si dimise dalla carica di Gran Maestro il 29 luglio 1861 e gli successe il maresciallo Magnan

Matrimonio e discendenza [modifica]

Dalla moglie Georgina Frazer Napoleone Luciano ebbe cinque figli :

Carolina Letizia (Bordentown, 31 dicembre, 1832 Redisham Hall, 23 luglio 1902), che sposò in Parigi il 6 giugno 1850 il barone Charles de Chassiron (1818 1871) ed in seconde nozze nel 1872 a Londra John Lewis Garden (1833 – 1892), un ricco americano; dal matrimonio non nacquero figli

Gioacchino Giuseppe Napoleone, 4° principe Murat, 3° principe di Pontecorvo (Bordentown, 21 giugno, 1834 Château de Chambly, 23 ottobre, 1901), maggiore generale dell'esercito francese, che sposò il 23 marzo 1854 Malcy Louise Caroline Berthier de Wagram (1832 1884), nipote il linea diretta del maresciallo Berthier, dalla quale ebbe 3 figli e, in seconde nozze, il 7 novembre 1894 a Parigi, l'inglese Lydia Hervey (1841 1901), matrimonio privo di figli

Anna (Bordentown 2 febbraio, 1841 Parigi, 7 settembre, 1924), sposò il 18 dicembre 1865 Antoine Just Léon Marie, 6° duca di Mouchy, 6° prinipce-duca di Poix (1841 1909), matrimonio con prole

Carlo Luigi Napoleone Achille (Bordentown, 2 gennaio, 1847 Tschkaduachi, 2 febbraio, 1895), sposò a Parigi il 13 maggio 1868 la principessa Salome Dadiani di Mingrelia (1848 1913) ed il matrimonio ebbe prole

Luigi Napoleone (Parigi, 22 dicembre, 1851 – ivi, 22 settembre 1912), sposò ad Odessa il 23 novembre 1873 Eudoxia Mikhailovna Somova (1850 1924), parente di Orest Somov, matrimonio con figli.

 


 Letizia Murat

Parigi, 1802 - Bologna, 1859

Figlia di Gioacchino Murat e di Carolina Bonaparte, visse con i genitori le vicende del Regno di Napoli ed il dramma della fine dell’impero e della fucilazione del padre. 
Alle due sorelle, Letizia e Luisa, venne impartita una educazione raffinata e completa, atta a farne due giovani donne che potessero ben figurare nell’alta società europea del tempo: canto, musica, lingue straniere (francese, inglese, tedesco). Alla corte di Napoli sperimentarono la vita sociale e salottiera ad alto livello, e Letizia apprese tanto bene la lezione che, sposatasi a Bologna il 27 ottobre 1823 con Guido Taddeo Pepoli (1789-1852), creò un proprio salotto, mantenuto in vita fino alla fine della sua vita, uno dei principali e più raffinati del suo tempo.

Alla caduta del Regno di Napoli, Carolina ed i figli peregrinarono per diverse città europee: Trieste, poi Graz, i dintorni di Vienna, la Toscana, ove viveva la sorella Elisa Baciocchi, e poi, finalmente, ancora Trieste, dove potè definitivamente trasferirsi nel 1823, e dove visse fino al 1832, quando si spostò a Firenze. I due fratelli, Achille e Luciano, convinti assertori delle idee paterne di libertà adattate alla novità dei tempi, cercarono fortuna in America, mentre le due sorelle rimasero in Italia (Luisa sposò il conte ravennate Giulio Rasponi).

Letizia Pepoli nella sua nuova città venne soprannominata “La Regina di Bologna”. Qui visse, ebbe quattro figli (Paolina, Carolina, Elisabetta e Gioacchino Napoleone), ma non rinunciò mai a viaggiare e ad intrattenere relazioni con donne e uomini della buona società del tempo.
Il suo salotto, oltre che dedicato alla cultura, all’arte ed alla conversazione, divenne un centro di affari politici, e tale si mantenne anche quando Letizia venne affiancata dalla figlia Carolina: entrambe donne che viaggiano, che intrattengono epistolari con mezza Europa, che leggono giornali anche stranieri, che hanno conversazioni con gente di ogni tipo, e che, a loro volta, quando sono all’estero, frequentano salotti femminili (ad es. Carolina a Parigi frequenta il salotto dell’Imperatrice Eugenia, in fondo, sua cugina!).


Per sua volontà testamentaria, la sepoltura di Letizia venne coronata dalla grande statua che ella aveva commissionato alcuni anni prima allo scultore Vincenzo Vela, statua che ritraeva il padre elegante nell’uniforme da campagna, circondato dai simboli guerreschi che più lo avevano reso celebre: le aquile imperiali francesi, il cannone sotto il piede sinistro, il bastone di maresciallo in mano (1864). Letizia Murat Pepoli si accontentò di farsi ritrarre in un medaglione posto alla base della statua, lasciando il ruolo di protagonista a quel padre di cui non esiste sepoltura.

Mirtide Gavelli


  Luisa Murat

 

Giulio Rasponi

Giulio Rasponi (Ravenna, 1782 Ravenna, 1876) è stato un politico italiano.

Appartenente a un'aristocratica famiglia romagnola, da secoli al centro delle vicende politico sociali di Ravenna, nel 1825 sposò la principessa Luisa Giulia Murat, figlia di Gioacchino Murat e Carolina Bonaparte, pertanto nipote di Napoleone Bonaparte.

Vicino ai carbonari, il suo salotto divenne luogo di ritrovo e di dibattito dei patrioti liberali ed ebbe un ruolo attivo nei moti del 1831 come vice presidente della Commissione del Governo provvisorio istuito dai carbonari contro lo Stato Pontificio nei territori dell'Emilia-Romagna.

Nel 1839 assieme ad altri esponenti dell'artistocrazia progressista locale fondò la Cassa di Risparmio di Ravenna e venne nominato Presidente della Commissione Municipale. Dal 1848 al 1850 è presidente della Cassa di Risparmio.

A lui si deve il restauro e l'ampliamento di Palazzo Rasponi Murat, oggi sede del Ravenna Festival.

Fu padre di Gioacchino Rasponi Murat e di Achille Rasponi Murat e nonno di Gabriella Rasponi Spalletti (1853 1931), presidentessa (1903) del Consiglio Nazionale delle Donne Italiane e pioniera dell'associazionismo femminile [1].

 

 

 

HomeRisorgimento SudRe GioacchinoAssociazioniRievocazioniPagine FacebookVideo YoutubeFoto AlbumVisitatori e links

 


Come contattarci

Telefono e Fax : 0963/532218 
Indirizzo postale: Via Nazionale 98 bis   89812  PIZZO (VV)
Posta elettronica: Direzione Sito Web: info@murat.itWebmaster: gpagnotta@alice.it

Per una navigazione ottimale si consiglia una risoluzione video di 1024*768


Link: www.pizzocalabro.it www.pizzocalabro.com, www.pizzocalabro.eu, www.pizzo.biz,   www.apparizioni.com www.sanfrancescodipaola.biz,  www.murat.it,   www.rinnovamentocarismatico.org webpizzo.altervista.org,  www.studiopagnotta.it,   www.realcalabria.org,
Copyright © 2013 Associazione Culturale "Gioacchino Murat" Onlus di Pizzo. Ultimo aggiornamento: 01-01-2013